SOCIAL È BELLO

In giro si dice che: “social è bello”! È davvero così, o stiamo perdendo il senso di questa nostra vita, dal momento che siamo sempre attaccati a dispositivi di ogni genere? Certo, attraverso i social possiamo arrivare ovunque, sapere tutto e conoscere ogni cosa ci interessi. Il loro utilizzo, talvolta eccessivo, sta perdendo di logica e razionalità. Forse stiamo andando verso una direzione estrema, dove nessuno prova vergogna nel mostrare la propria vulnerabilità, il loro modus vivendi, addirittura il loro lato volgare e cosa più sconcertante: la loro violenza!

Social è bello: la sindrome della testa bassa

Ci ritroviamo a navigare sui social e passiamo buona parte del nostro tempo con la testa abbassata a guardare gli affari degli altri, magari facendo commenti sgraditi, offensivi, del tutto gratuiti, insultiamo persone senza porci minimamente il problema! Postiamo foto di un momento senza godercelo davvero. Mostriamo parti del nostro vissuto che invece dovremmo custodire gelosamente. Concediamo, senza alcuna riserva, i nostri pensieri, affinché si possa trovare qualcuno che la pensi come noi o che possa cliccare un cuoricino di consenso.

In tutto questo non ci accorgiamo che il viaggio che stiamo facendo va vissuto non condiviso con una foto, un post, un video, un reel, soprattutto non ci rendiamo conto che siamo tutti affetti dalla sindrome della testa bassa, incapaci addirittura di attraversare una strada senza tenere il telefono in mano per guardarlo e se in tutto questo qualcuno non si dovesse accorgere di noi e ci investisse, nemmeno ce ne accorgeremmo!

Social è bello: filtri sì o no?

Non solo postiamo le nostre foto, i nostri video, ma lo facciamo senza alcun filtro. Con questo voglio dire che mettiamo in bella mostra situazioni drammatiche, imbarazzanti, squallide, volgari, indecenti, e chi più ne ha più ne metta, fregandocene del fatto che al follower potrebbe non fregare nulla o addirittura infastidire. Temo che si stia prendendo una strada senza ritorno: stiamo esagerando! Ci manca solo di vedere qualcuno sopra la tazza del cesso mentre defeca, ops, è già preistoria!

Così, mentre qualcuno per sembrare più bello o più giovane inserisce dei filtri per apparire migliore, qualcun altro dei filtri se ne frega e mostra tutto, nel vero senso della parola. Mi viene da chiedermi: “Ma perché? Che senso ha tutto questo?”. Aumenta l’autostima? È per avere i famigerati 5 minuti di celebrità? È per ostentare qualcosa? Onestamente non lo so! Passo!

Social è bello: com’era nel principio…

All’inizio avere un social era un qualcosa che aggiungeva nella vita di tutti i giorni! Abbiamo ritrovato vecchi amici, persone di cui desideravamo avere notizie solo che non sapevamo come riuscirci.  Adesso invece è un qualcosa che sottrae: toglie il tempo, toglie il desiderio, toglie la volontà, toglie il piacere anche di una semplice conversazione telefonica, perché oramai ci scriviamo per parlarci. Il contatto umano è completamente finito e quando si è costretti ad averne diventa difficile gestirlo!

… e ora e sempre, nei secoli dei secoli!

I ragazzini di oggi si fidanzano su Instagram senza mai essersi parlati, né visti di persona e così come si cercano sui social, si lasciano tramite esso. Ma dove è finita quella voglia di incontrarsi? Di guardarsi negli occhi e flirtare? Di toccarsi per un fugace momento e cercare un nuovo contatto per poter sentire quell’emozione indescrivibile che ti ha toccato il cuore? Dov’è finito il piacere di sentirsi, di stringersi nel calore di un abbraccio?

Mi viene da chiedermi: è possibile baciarsi tramite social? Troveranno un modo, ne sono sicura, perché il sesso on line già lo fanno! Com’è possibile continuare così? Dovremmo o no dare un taglio a tutto questo e ricominciare da capo nel modo giusto?

Social è bello: nel modo giusto

Sono fermamente convinta che i social siano la cosa migliore che sia capitata all’umanità. La continua evoluzione della tecnologia è una benedizione per noi essermi umani che abbiamo bisogno di sentirci, di vederci e oggi è possibile farlo con una semplice video chiamata. Dobbiamo però imparare a usare i social media nel modo più appropriato e se per farlo dobbiamo fare un passo indietro che ben venga. I social ci possono dare tanto, ma solo se li utilizziamo nel modo giusto. L’esagerazione, l’ostentazione portano solo a complicare la vita di ognuno di noi e a estremizzare situazioni che forse dovrebbero rimanere con un basso profilo.

Limitare il tempo libero sui social può solo aiutarci a vivere il bello di un momento di vita che scorre. Commentare in modo educato è meglio che rischiare di urtare la sensibilità altrui. Orami siamo arrivati al punto che la maggior parte delle persone dispensa cattiveria tramite social, e i cattivi sono aumentati, sapete perché? Perché è più facile fare i cattivi, va di moda e senza metterci la faccia. Sembra proprio che tenere la bocca chiusa e farsi gli affari propri non faccia più campare cento anni.

Il lato positivo

Ci sono tanti lati positivi nell’utilizzo dei social media, ma solo se lo si fa con coscienza e responsabilità e purtroppo oggi giorno le persone mancano di queste due qualità indispensabili per poter utilizzare mezzi che risultano essere più grandi di noi nella loro gestione. Io per prima sto cercando di farlo. Trascorro il mio tempo senza provare a chiudere la mia vita in un video o in un post cercando di godere della mia vita sul qui e ora e devo ammettere che posso fare click su “mi piace”!

ScriviloConLeParole

lascia qui il tuo commento