DONNA SEMPRE

Non so cosa ci sia da celebrare quest’anno nel giorno in cui siamo abituati a festeggiare la festa della donna. Nulla cambia mai, tutto resta sempre immutato. Donna sempre e sono fiera di esserlo, tuttavia continuiamo ad essere l’oggetto preferito dall’uomo da poter demonizzare, distruggere e uccidere. Restiamo il giocattolo preferito da chi si sente superiore a noi e nonostante la speranza sia sempre l’ultima a morire, temo che ad un certo punto si spenga anche lei definitivamente.

Donna sempre: stessi diritti e doveri

Mi chiedo per quale motivo abbiamo dovuto lottare per i nostri diritti, per la nostra emancipazione, per le nostre conquiste economiche, sociali ecc. ecc. Non voglio parlare di statistiche e di dati, perché non lo siamo! Siamo tutti imperfetti esseri umani che hanno degli affetti, che amano, che sognano e che soprattutto sbagliano. Noi donne siamo persone, come lo sono gli uomini, aventi gli stessi diritti e doveri.

Allora qualcuno può gentilmente spiegarmi perché nel 2024 siamo ancora braccate, insultate, violentate e ammazzate per mano di chi ci deve del rispetto, esattamente come loro ne hanno da parte del sesso debole.

Donna sempre: il sesso debole

Che poi, sesso debole, davvero la vogliamo mettere su questo piano? La donna non è il sesso debole! Casomai è lo zoccolo duro di un sistema. Una donna riesce a fare talmente tante cose rispetto al sesso forte che dubito che ce la farebbero a sopravvivere nei nostri scomodi panni e soccomberebbero! Dovrebbero indossare un paio di scarpe come le nostre e percorrere un tratto della nostra vita con tutte le nostre difficoltà e i nostri pochi sogni realizzati e poi vediamo che succede!

Donna sempre: la festa della donna

Da molti anni non festeggio la festa della donna, non è una ricorrenza gratificante dal mio punto di vista. Non ho bisogno di uscire l’8 marzo per andare a mangiare la pizza con le mie amiche e per essere anche criticata per averlo fatto. No grazie, passo! Esco quando voglio, perché sono una donna indipendente, che sa cosa vuole nella vita e se mi va me lo vado a prendere!

L’uomo che sta con me mi deve sostenere anche se non è in accordo con i miei punti di vista o i miei obiettivi, perché quando l’ho scelto, io l’ho sempre sostenuto anche se non ero d’accordo con lui. Se e quando non lo fa, glielo faccio notare senza tanti giri di parole o preamboli e se necessario combatto per la mia libertà, non intesa come libertà di uscire una sera, intendo la libertà di pensiero e di espressione.

Donna sempre: società in declino

Se è vero che siamo tutti uguali è vero anche che abbiamo tutti gli stessi diritti e doveri. La verità è che noi donne viviamo in un imbarazzante, drammatico e inquietante momento. Non siamo mai state veramente apprezzate e mi dispiace ammettere che più passano gli anni e più le cose peggiorano. È demotivante e scoraggiante.

In un qualsiasi telegiornale trovi almeno una notizia su una donna uccisa o abusata, così tra le varie guerre che ci sono nel mondo in questo periodo, i fatti di cronaca sempre più efferati e sconvolgenti nei confronti delle donne, onestamente mi chiedo cosa ci sia da festeggiare. Forse per qualcuno prendersi una pausa da tutto questo è imperativo, purtroppo finita l’euforia di una serata spensierata resta tutto lì, pronto a ricordarti che si vive in un mondo violento.

Donna sempre: concetti radicati

Il vero problema è che la maggior parte degli uomini hanno radicato in loro il concetto che se sei nata donna devi servire, subire, sottomettere e quant’altro. Se tutti loro, invece, riflettessero su ciò che è davvero la donna, forse questo mondo diventerebbe veramente migliore. È dalla donna che inizia la vita, è dalla donna che l’uomo riesce a trovare conforto, sostegno e una casa dove tornare. È dalla donna che ridiede la dolcezza, la comprensione, l’amore. La donna non è un giocattolo, né un oggetto. Siamo fatti della stessa sostanza dell’uomo e meritiamo il medesimo rispetto.

Tuttavia ad oggi, ahimé, siamo ancora considerate l’ultimo anello della catena. Quelle che devono sempre dimostrare di meritare, quelle che devono faticare il triplo per raggiungere. Che sia giusto o meno non spetta a me dirlo. Di fatto viviamo in un mondo in cui la giustizia vive un peso e due misure e se si tratta di una donna, a parità di abilità, sicuro verrà surclassata da un uomo.

Consapevolezza dell’essere donna

È deprimente, ma è ciò che accade e prima ne accettiamo le varie sfaccettature prima riusciremo a convivere meglio con questi concetti antidiluviani che vengono affibbiati alla donna. Forse la vera parità non la raggiungeremo mai, forse le cose peggioreranno ancora, prima di migliorare. C’è solo una cosa che possiamo fare noi donne, continuare a lottare e a combattere per i nostri diritti, per i nostri sogni, in fondo siamo brave nel farlo, poiché da quando abbiamo iniziato non abbiamo mai smesso!

ScriviloConLeParole

lascia qui il tuo commento