DIRTY SMILE

“Dirty Smile” è il volume 3 della “Purple Series”, di Monique Vane, clicca qui per l’acquisto. È stata una lettura gradevole, che mi ha dato modo di riflettere sulla vita di coppia e come una coppia, per sentirsi tale, debba scegliere autonomamente come vivere nel loro quotidiano. Questo romanzo non è il sequel della storia di Aston e Ava contenuta in “Se potessi dirti” e in “Quello che non ti ho detto”, è un volume a parte che tratta la complicata e intricata storia d’amore, nonché i sentimenti che unisce la coppia Jack e Stella, amici di Aston e Ava, con i quali condividono segreti e quotidiano.

Siamo due anime che si sono riconosciute dopo millenni.

Dirty Smile: la trama

La vita è fatta di tante cose, quella di Stella è fatta di assenze e mancanze che non si possono sostituire. Così, appena finita la scuola, decide di andarsene, di spostarsi lontano da quel luogo, da quelle persone che per lei non sono mai state “casa”. Ha scelto New Orleans, così eclettica, piena di culture diverse e di vita. Stella ha bisogno di qualcosa di più, ha bisogno di sentirsi libera e felice, ha il diritto di vivere la vita che sogna, ma soprattutto che merita.

Il destino le ha fatto incontrare Ava e con lei ho conosciuto lui: Jack. Presuntuoso, egocentrico, bello da morire, con gli occhi blu come un lago di montagna, i capelli biondi di un angelo e sexy come il peccato e con quel sorriso assassino sulle labbra, che gli ha regalato il soprannome di “Dirty Smile” al Porpora. Stella pensa che lui non sia la persona giusta per lei, possibile che siano troppo diversi, che vogliano cose diverse, ma quando lui la guarda con quel sorriso sporco sulle labbra, lei non può fare altro che brillare per lui.

Guarisci insieme a me. Diventa la mia regina. Promettimi che rimarrai con me per tutta la vita. Non andare via, non lasciarmi anche tu.

La somiglianza degli opposti

Jhon si è lasciato tutto alle spalle per una vita nuova. Non ha più saputo nulla del padre, ed è meglio che le cose restino così. Non sa come stia sua madre, una donna che non ha saputo proteggerlo. Sa chi è la persona più importante della sua vita:sua nonna, l’unica persona che lo ha trattato come se fosse un bene prezioso, lo ha curato, lo ha rassicurato e lo ha amato incondizionatamente.

Ora è tutto diverso, Jhon ha la sua vita, i suoi obiettivi da raggiungere. Per non farsi mancare nulla lavora al “Porpora” e gli piace saziare le voglie delle sue clienti. Una sera conosce Stella e tutto cambia…

Se solo sapesse quanto sono vicine le nostre anime, se solo potesse sentire, anche solo in minima parte le scintille che riesce ad accendere nel mio corpo ogni volta che mi passa accanto o mi guarda con i suoi grandi occhi verdi. Solo che sono distrutto, deluso e completamente  annientato da quello che è il mio passato.

Dirty smile: normale amministrazione

Per qualcuno loro possono sembrare una coppia anomala, diversa dalle solite coppie di innamorati che si frequentano e vivono la quotidianità. Ciò che per gli altri potrebbe sembrare normale, per loro è diverso. Raggiungono la loro normalità a piccoli passi, con piccoli gesti che finiscono con unirli in maniera irreversibile. In fondo amare qualcuno non significa seguire la corrente o le regole che la società impone, significa semplicemente amare e se siamo fortunati potremmo essere ricambiati.

Non tutte le relazioni nascono nello stesso modo e non tutte le relazioni sono uguali. Ogni relazione ha i suoi lati positivi e negativi. In ogni relazione, indipendentemente da come nasca, si hanno degli obiettivi da raggiungere o si può vivere il momento, l’importante è esserne consapevoli.

Non sono mai appartenuta a nessuno, se non a me stessa, ma adesso sono persa più di prima. Eppure quel sentimento che è uscito arrabbiato da quelle labbra mi ha fatto sentire protetta, amata, voluta.

Dirty smile: relazioni

Jhon e Stella ci hanno insegnato che non esistono relazioni malate o relazioni sane, sono solo relazioni! Tuttavia qual è il limite che delimita il male e il bene in una coppia? Ciò che ci può sembrare giusto o sbagliato in una relazione siamo noi a giudicarlo in base alle nostre motivazioni, ai nostri sentimenti, alle nostre emozioni, ai nostri obiettivi. Quello che noi potremmo considerare malsano, per qualcuno potrebbe essere il contrario e viceversa. Sta solo a noi capire chi siamo, cosa volgiamo da una relazione e quali sono i mezzi per raggiungerlo. Jack e Stella ci provano, ci riescono? Sta solo a loro scoprirlo.

Io sono il risultato del mio passato, delle scelte dei miei genitori e della vita che ho dovuto affrontare. Ma poi c’è quel pezzo di vita che posso catalogare come normale. Forse dovrei affidarmi a quello? Resettare tutto il male e rendere tutto meno distruttivo?

Dirty smile: anime tormentate

Sono gli animi tormentati che ci inducono alla riflessione e ci fanno sognare. In loro troviamo anche i nostri turbamenti, piccoli o grandi che siano. Stella non si è mai sentita amata, forse lo è stata, ma i suoi genitori non sono stati in grado di mostraglielo e una soffocante solitudine l’ha portata a crescere senza capire bene come muoversi nella sua vita. Jack ha vissuto un’infanzia difficile, fatta di bugie, omissioni, violenze. Entrambi i suoi genitori non solo non hanno saputo proteggerlo, ma hanno scaricato su di lui le loro debolezze. L’amore che ha conosciuto era viziato, guastato, rovinato fin dalla radice.

Ha creato un punto dove io ho sempre messo una virgola nella speranza di riavere mia madre. Quell’uomo, mio padre ha creato in lei tanti punti interrogativi da non avere più esclamazioni. E questo mi rende un uomo senza più alcuna radice.

Amare è difficile

Diventa davvero difficile amare qualcuno avendo queste esperienze alle spalle. Si rischia di diventare cinici, indifferenti ai sentimenti, emotivamente freddi. Aprirsi in un mondo ostile non è facile per nessuno, figuriamoci quando il bagaglio emotivo pesa in modo devastante. Il freddo, il buio avvolge gli animi cupi, la cui sofferenza ha instillato in loro la paura di amare.

Aggrappandosi l’uno all’altra possono trovare un briciolo di pace. Insieme sono riusciti ad accendere quella luce che aveva oscurato la loro. Si sono riconosciuti e nonostante abbiamo provato a stare lontani non ci sono riusciti, perché l’amore è più forte di qualsiasi cosa. Possono guarire dalle ferite che gli sono state inflitte da coloro che avrebbero dovuto amarli, ma solo restando uniti.

Un cuore può rompersi mille volte nel corso della vita, ma può bruciare per una sola persona.

Gradimento (da1 a 10): 7

ScriviloConLeParole

lascia qui il tuo commento