IL FILO ROSSO DEL DESTINO

Grazie al mio gruppo WhatsApp scaricato il romanzo dal titolo “Il filo rosso del destino” di Lee Iginy Smiths e ne sono rimasta piacevolmente colpita. La storia è bellissima: romantica e commovente. Era da tanto tempo che non leggevo una storia che mi catturasse in questo modo. Mi ha regalato tante emozioni e lacrime di commozione. La lettura è molto scorrevole e intrigante, tanto da volerla finire nell’immediato per conoscere l’evolversi della storia. Peccato per i tanti refusi che tuttavia non intralciano la narrazione.

Il filo rosso del destino: la trama

Leeanne trascorre con la sua famiglia una vita normale. Nutre per Robert, suo marito, un amore che non ha il sapore della passione, è un affetto che la tiene ancorata a lui e al suo bambino Jess. Un giorno tutto cambia! A causa di un incidente stradale lei perde tutto! Suo figlio e suo marito muoiono e Leeanne rimane schiacciata dal peso della perdita e dal rimorso. Indebolita dal dolore e dalla sofferenza trova conforto nell’alcool. Così, la sua vita prende una piega del tutto inaspettata che la porta quasi alla morte e nella condizione di fare del male.

Quello è il momento in cui decide di farsi aiutare. Lucas, suo fratello, non perde tempo e aiuta la donna a cercare di ritrovare la giusta via. La determinazione di Leeanne è fondamentale nella sua rinascita.

Jacques: È assodato, quella donna sta diventando importante per me, non posso più negarlo…

Un cuore irrequieto

Jacques ha tutto! Soldi, avventure, donne, sesso. Condivide ogni cosa con il suo migliore amico Clarke. È sempre irrequieto, non trova conforto né nelle avventure spericolate in cui si butta a capofitto, né nelle donne che frequenta che ritiene vuote e superficiali. Clarke si arruola e Jacques lo segue. Prestano servizio in Afganistan. Lì, a seguito di un agguato, perde il suo grande e unico amico che lui considerava come un fratello.

Quel giorno non riesce a dimenticarlo, ogni notte continua a risentire le urla di Clarke che debolmente lo chiama. Le ferite che riporta sono nulla in confronto al dolore che prova per il senso di colpa nei confronti del suo amico che non è riuscito a salvare. Per sopportare il dolore e la sofferenza si concede qualche drink che pian piano diventa una bottiglia e sprofonda sempre di più nell’abisso del suo peggiore incubo, finché crolla definitivamente e chiede aiuto. La sua famiglia solerte lo conduce verso la giusta via.

Leeanne: Quando meno me lo aspettavo, quando credevo di aver raggiunto la serenità e non cercavo nient’altro, invece mi è bastato incontrare quel paio di occhi straordinari e niente ha più avuto senso.

Destini che si incrociano

Leeanne e Jacques incrociano i loro destini. Basta uno sguardo, un fugace attimo in cui mentre lui esce dalla clinica dove era stato ricoverato per disintossicarsi dall’alcool incrocia lo sguardo dimesso di Leeanne che invece sta per entrarvi per aggiustare la sua situazione. Lui rimane incantato da quegli occhi intensi che somigliano a un felino. Lei rimane affascinata da quell’azzurro profondo dei suoi occhi che le leggono l’animo.

Passano alcuni anni e Leanne sta meglio. Oramai alle sedute degli A.A. va solo quando sente di averne bisogno. Si è trasferita a Toronto per stare vicino a suo fratello Lucas. È tempo di rimettersi in gioco e di cercare un lavoro. Lo trova nell’azienda di Jaques, il quale sta per prendere la dirigenza della società di famiglia. Anche lui ormai è fuori dal circolo vizioso dell’alcool e presiede le riunioni della A.A. al bisogno.

Jacques: Ho speso anni della mia vita alla ricerca di un senso, un senso per ogni respiro, parola, passo. Un senso per l’irrequietezza provata, ora l’ho trovato, Leeanne, è lei a dare un senso a tutto.

Il filo rosso del destino: due anime affini

Loro non ricordano dove si sono incontrati, ma entrambi sentono subito un trasporto l’uno verso l’altro. Possono due anime devastate ritrovarsi e aiutarsi a ricostruire l’uno quello dell’altro? Leeanne con enorme sofferenza è rinata, non permetterà che più niente la coinvolga così profondamente. Jacques con grande forza d’animo ha ricostruito il suo mondo. Indossa una maschera di indifferenza e non pensa di poter provare amore. Esperienze simili possono avvicinare due persone, o le sofferenze passate le terranno lontane?

Leeanne: … Siamo due persone danneggiate e ferite che hanno trovato la forza pur nella sofferenza di rialzarsi, di superare le avversità, i traumi, lo sconforto, le lacrime e la rabbia facendo leva sulla forza interiore. Rimboccandoci le maniche abbiamo deciso di vivere.

Il filo rosso che unisce

C’è così tanta tenerezza in queste due anime disperate, c’è ricerca di protezione verso coloro che si ama. C’è tanto amore nei loro cuori, anche se non sentono di poterne dispensare, c’è una dolcezza infinita nei gesti, nelle premure e c’è tanta cura nelle parole. La storia è romantica, appassionata e passionale (clicca qui per l’acquisto) e quel filo rosso che unisce i destini di entrambi gli avrà pure portato tanti ostacoli da superare, però li riporta sempre uno nelle braccia dell’altro.

ScriviloConLeParole

lascia qui il tuo commento